palazzolo acreide - città patrimonio dell'umanità - world heritage list unesco - città barocche del val di noto siracusa siculi greci romani bizantini arabi normanni barocco e liberty tradizioni popolari musei etnoantropologici casa museo antonino uccello in sicilia a siracusa turismo tourism san sebastiano san paolo teatro greco iblei sicilia akrai greek theatre in sicily

ITA ENG

Menu

..:: ARTICOLI SU PALAZZOLO ::..

 
TRA LE PECULIARITA' DI PALAZZOLO:

 

 

HOME

Palazzolo Acreide
Notizie storiche
Notizie di tradizioni popolari
Notizie di carattere geologico
 
LA ZONA ARCHEOLOGICA
 
IL CENTRO STORICO
 
FOTOGRAFIE: IL BAROCCO
 
IL COMUNE
 
IL CENTRO STUDI IBLEI
 
PALAZZOLO E IL CINEMA
 
TEATRO CLASSICO DEI GIOVANI
 
RAPPRESENTAZIONI CLASSICHE
 
ARTICOLI SU PALAZZOLO
 
PUBBLICAZIONI SU PALAZZOLO
 
FOTOGRAFIE STORICHE
 
CARTOLINE VIRTUALI
 
CARTINA DI PALAZZOLO
 
VACANZE A PALAZZOLO
 
EVENTI
 
INFORMAZIONI UTILI
 
LINKS
 
LIBRO VISITATORI
 
CONTATTI
 
 

 
 

 
Web Palazzolo-Acreide.it

Vi consigliamo:


Visita il sito


Visita il sito


Visita il sito

IBLEI NETWORK

 
Palazzolo Acreide
La città di Palazzolo Acreide: 3000 anni di storia tra Siculi, Greci, Romani, Bizantini, Arabi, Normanni. Barocco e Liberty
Akrai
La zona archeologica di Akrai, città fondata dai Greci di Siracusa nel 664 a.C., a Palazzolo Acreide (SR)
La Casa-museo di Antonino Uccello
Sito informativo sull'etnoantropologo Antonino Uccello e visita virtuale della Casa-museo di Palazzolo Acreide (SR)
IBLEI.it
Portale sul Turismo a Siracusa e Ragusa. Itinerario archeologico, etnoantropologico, storico, artistico, naturalistico
Le Citta Barocche Del Val Di Noto
Le otto città tardo barocche del Val di Noto inserite nella World Heritage List Unesco
Sicily Bed & Breakfast.it
I Bed and Breakfast della Sicilia ordinati per province
Tuscany Bed & Breakfast.it
I Bed and Breakfast della Toscana ordinati per province
Lucca Tourism.eu
Portale turistico sulla città di Lucca in Toscana
Tuscany Farm Holidays.eu
Gli Agriturismi della Toscana ordinati per province
Tuscany Tourism.eu
Portale turistico sulla Toscana. Elenco di bed & breakfast, agriturismi, case vacanza in Toscana.

Centro Studi Iblei
Centro di documentazione multimediale su Antonino Uccello, l'area iblea e le province di Siracusa e Ragusa

I luoghi del lavoro contadino
Itinerario etnoantropologico intercomunale tra Buscemi e Palazzolo Acreide (Siracusa)
Andrea Latina - Arte e dintorni
Il sito del pittore Andrea Latina di Palazzolo Acreide (SR) - Dipinti ad olio, chine, fotografie
Musei Etnoantropologici in Italia
Portale informativo sui Musei Etnoantropologici presenti in Italia
Oasi di Vendicari
La splendida oasi naturalistica di Vendicari
Olio Ibleo
L'olio DOP "Monti Iblei", dal caratteristico sapore. Storia dell'olio ibleo a cura di Rosario Acquaviva e Antonino Uccello
Ceramiche di Caltagirone
Il negozio di ceramiche di Caltagirone a Palazzolo Acreide (SR)
Terrecotte Iblee
Il negozio di terrecotte artistiche  iblee a Palazzolo Acreide (SR)
Sedie italiane
Portale sulle aziende che producono sedie in Italia

 

 

EVENTI:

 

 

 

 

 

Ciao Sicilia what's on. Palazzolo Acreide, scrigno ancestrale

Articolo:
PALAZZOLO ACREIDE
SCRIGNO ANCESTRALE

Rivista
CIAO SICILIA WHAT'S ON

N° 1 Gennaio 1991 - Pagg. 40-42

 

(Testo e fotografie di Francesco Alaimo)

A pensarci bene, Antonino Uccello non poteva che avere questo cognome: tutti i poeti, d'altro canto, hanno le ali e volano. Lui volava, con le ali della Memoria, nella Memoria e poichè ad esser poeti, oggi, e poeti del "perduto desiderato" o, peggio, idealisti discorritori d'alberi, in tempi di delitti, v'è il rischio che si cada di sotto (che qualcuno vi "spinga" di sotto), ecco che ad Icaro tagliarono le ali. Come spesso, per esempio, accade alle Colombe. E non che Icaro volasse troppo in alto, no, erano gli altri che strisciavano troppo in basso. La "Casa di Icaro" di Antonino Uccello era (oggi è) la casa ancestrale, il "luogo dove tutti ritrovano qualcosa che ritenevano definitivamente perduto; la casa della propria infanzia, dei genitori, della propria terra" (S. Nigro). Un antro, misterioso, dove conservare, intatti, e per sempre, gli "oggetti" della memoria e, forse, utopia!, i respiri dei montanari iblei, il sudore, la pena, la gioia, il dolore, le speranze. In una parola non soltanto la storia di vita ma, utopia!, il senso di vita che Uccello – io credo – riteneva depositato sugli "oggetti" della sua Casa-museo. Si, perchè, quella casa era (oggi è) un museo etno-antropologico o, meglio, una raccolta di preziose testimonianze della cultura popolare siciliana, ma per Lui era certamente di più: non un posto dove si consuma una mummificazione di oggetti (e non è questa, forse, la cultura imperante nei Musei?) ma un prezioso scrigno dove gli oggetti, le cose, non sono semplicemente cose: hanno vita – finalmente – e vibrano, sotto gli occhi di chi ha (vuole) Memorie da (ri)trovare. Ciascuno di essi – qui oggetti viventi, magazzini di esperienze cui riferirsi, memorie cristallizzate su cui riflettere – ha storie da raccontare perchè a ciascuno di essi è stato affidato tutto il tempo ed il senso della vita in quanto mediatori tra la caverna magica della Memoria ed il presente. Uccello pensava – io credo – che gli oggetti, quei poveri oggetti raccattati in giro – fossero, forse, la materia stessa del ricordo, di questo la concretezza: non averne memoria può vuol dire non avere possibilità di futuri possibili! Oggi, dopo anni di dolorose vicissitudini ed incomprensioni (gli "altri" strisciavano basso) Antonino Uccello morto, la Casa-museo di Palazzolo Acreide, finalmente, recuperate le sue collezioni, riapre al pubblico. Questa splendida città rende giustizia al cantore della sua gente ed apre un altro dei suoi scrigni al fortunato visitatore, poichè la sua ricchezza, ovviamente, non risiede soltanto nella Casa-museo. Chè forse Palazzolo non è stata l'antica Akrai, la prima sub-colonia di siracusa, quando iniziava la mitica, irripetibile grande avventura greca della Sicilia? Provi, perciò, il visitatore l'emozione – davvero intensa – di sedersi sui gradoni del suo integro teatro tardo-ellenistico ed immagini di vedere il palazzetto del senato (di cui esistono tracce) o l'agorà, le case di Akrai, il bouleuterion e le sue strade con il bellissimo decumano (esistenti) in pietra lavica, una delle opere stradali antiche meglio conservate nell'Isola. E, ancora, non perda di ammirare (e commuoversi) dinanzi i famosi e misteriosi Santoni, bellissime sculture rupestri del III sec. a.C., il più importante e ricco complesso dedicato al culto della Magna Mater, Cibele, dove, probabilmente il culto greco si fuse con elementi orientali. Vaghi, il visitatore, per i vicoli e le belle strade di Palazzolo, dove forti sono i segni del passato ed i colori della storia sono composti da muschi e licheni su scrostati intonaci pastello e dal rosso-oro dei tufi delle sue Chiese. È facile (e dolce) allora, perdersi in stupori e commozioni, tra i vecchi edifici (i settecenteschi palazzi Zocco, Iudica-Cafici, Ferla e quello, del primo Novecento, Cappellani) e le antiche chiese (S. Sebastiano, San Nicolò, San Paolo) prima fra tutte quella dell'Annunziata, sul cui portale barocco svettano, magnifiche, quattro leggerissime colonne tortili binate. Qui, mentre fotografo le sinuose volute di tufo, una Colomba, nascosta tra i capitelli, spicca, improvvisa, il volo e quel battere d'ali rimane, miracolosamente, impresso sul fotogramma. Lo so, non è un caso, oggi Icaro ha ripreso a volare!


Visita il sito

 
Il riconoscimento da parte dell'Unesco e la conseguente inclusione tra le "Città Barocche del Val di Noto": Caltagirone, Militello Val di Catania, Catania, Modica, Noto, Palazzolo Acreide, Ragusa Ibla, Scicli.
 

 
Una zona archeologica tra le più antiche nel panorama italiano, il cui tessuto urbano si è mantenuto discretamente integro e in cui si possono osservare le varie stratificazioni storiche: le necropoli sicule risalenti al XII sec. a. C., le rovine della polis greca e le successive ricostruzioni ad opera di romani e bizantini.
 

 
Un museo etnoantropologico, la "Casa-museo" fondata da Antonino Uccello, tra i più antichi d'Italia e conosciuto in tutto il mondo.
 

 
Le sculture rupestri denominate "Santoni", il più completo e vasto complesso figurativo relativo al culto della Magna Mater.
 

 
I resti del castello normanno e la circostante struttura urbanistica medioevale.
 

 
Un centro storico di grande valore architettonico, fortemente caratterizzato da un'architettura Barocca, frutto della ricostruzione post-terremoto del 1693 e, successivamente,  dalla stagione del Liberty.
 

 
Le manifestazioni religiose come la festa di S. Paolo e di S. Sebastiano, conosciute in tutta la Sicilia.
 

 
Il Festival internazionale del Teatro Classico dei Giovani, che richiama ogni anno studenti provenienti da ogni parte d'Europa.
 

 
Altre manifestazioni come le varie mostre proposte alla Casa-museo, la Mostra mico-naturalistica akrense, la Rassegna agroalimentare dei prodotti e piatti tipici palazzolesi, la mostra natalizia "I presepi, arte e tradizione".
 

 
Un carnevale tra i più antichi di Sicilia, con sfilate di carri allegorici, gruppi in maschera, sagra della salsiccia, veglioni.
 

 
Un paesaggio estremamente vario, in cui dominano le cave iblee, con la Riserva Naturale Orientata di Cava Grande e la Riserva Naturale Valle dell'Anapo-Pantalica.
 

 
La presenza, nel raggio di pochi chilometri, di importanti siti archeologici e storici come Noto Antica, Kasmenai, Avola Antica, Castelluccio, Pantalica, le varie chiesette rupestri bizantine con affreschi sparse nel territorio, ecc.
 

 
Un mulino ad acqua funzionante con annesso Museo della macina, presente nel territorio comunale, gestito dall'Associazione per la conservazione della cultura popolare degli Iblei.
 

 

 

 

     
 

 
     
 

 
     
 

 
     
 

Questo sito è nato da una collaborazione tra:

 
    -


CANTIERI MULTIMEDIALI - Realizzazione Siti Internet e Prodotti Multimediali a Palazzolo Acreide (SR)

 


Centro di documentazione multimediale su Antonino Uccello e sull'area Iblea e le province di Siracusa e Ragusa. Visite virtuali dei beni archeologici, artistici, etnoantropologici, storici, naturalistici.
 



 

Cantieri Multimediali

Centro Studi Iblei

Istituto Studi Acrensi